Ma voi, chi dite che io sia?

DOMENICA 24 AGOSTO 2008

XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

 

 LITURGIA DELLA PAROLA

 

Antifona d’ingresso
Tendi l’orecchio, Signore, rispondimi:
mio Dio, salva il tuo servo che confida in te:
abbi pietà di me, Signore;
tutto il giorno a te io levo il mio grido.

Colletta
O Dio, che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi
e desiderare ciò che prometti,
perché fra le vicende del mondo
là siano fissi i nostri cuori
dove è la vera gioia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Oppure:
O Padre, fonte di sapienza,
che nell’umile testimonianza dell’apostolo Pietro
hai posto il fondamento della nostra fede,
dona a tutti gli uomini la luce del tuo Spirito,
perché riconoscendo in Gesù di Nazaret
il Figlio del Dio vivente,
diventino pietre vive
per l’edificazione della tua Chiesa.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

 

PRIMA LETTURA

Is 22,19-23

Dal libro del profeta Isaia

Così dice il Signore a Sebna, maggiordomo del palazzo:
«Ti toglierò la carica,
ti rovescerò dal tuo posto.
In quel giorno avverrà
che io chiamerò il mio servo Eliakìm, figlio di Chelkìa;
lo rivestirò con la tua tunica,
lo cingerò della tua cintura
e metterò il tuo potere nelle sue mani.
Sarà un padre per gli abitanti di Gerusalemme
e per il casato di Giuda.
Gli porrò sulla spalla la chiave della casa di Davide:
se egli apre, nessuno chiuderà;
se egli chiude, nessuno potrà aprire.
Lo conficcherò come un piolo in luogo solido
e sarà un trono di gloria per la casa di suo padre».


Parola di Dio

 

Salmo responsoriale

Sal 137

Signore, il tuo amore è per sempre.

Ti rendo grazie, Signore, con tutto il cuore:
hai ascoltato le parole della mia bocca.
Non agli dèi, ma a te voglio cantare,
mi prostro verso il tuo tempio santo.

Rendo grazie al tuo nome per il tuo amore e la tua fedeltà:
hai reso la tua promessa più grande del tuo nome.
Nel giorno in cui ti ho invocato, mi hai risposto,
hai accresciuto in me la forza.

Perché eccelso è il Signore, ma guarda verso l’umile;
il superbo invece lo riconosce da lontano.
Signore, il tuo amore è per sempre:
non abbandonare l’opera delle tue mani.

 

SECONDA LETTURA

Rm 11,33-36

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

O profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto insondabili sono i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie!
Infatti,
chi mai ha conosciuto il pensiero del Signore?
O chi mai è stato suo consigliere?
O chi gli ha dato qualcosa per primo
tanto da riceverne il contraccambio?
Poiché da lui, per mezzo di lui e per lui sono tutte le cose. A lui la gloria nei secoli. Amen.


Parola di Dio.

 

Canto al Vangelo

Alleluia, alleluia.
Tu sei Pietro e su questa pietra
edificherò la mia Chiesa
e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa.
Alleluia.

 

 

 

VANGELO

Mt 16,13-20

 

Dal Vangelo secondo Matteo

 

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Parola del Signore.

 

 

   BREVE RIFLESSIONE PERSONALE:

 

 

Anche in questa domenica, mi sento particolarmente coinvolto e messo in discussione dalla Liturgia. Se la settimana scorsa, la mia riflessione è andata a cadere inevitabilmente sulla mia fede, oggi mi soffermo sulla domanda di Gesù: «Ma voi, chi dite che io sia?» .

Normalmente quando parlo di Gesù, dico sempre che Lui è il centro, il punto di riferimento della mia vita, ma mi rendo conto che spesso sono solo belle parole.

Ci sono due preghiere che recito a memoria, ma che quando penso seriamente alle parole che dico, mi sento veramente piccolo e carico di tutti i miei limiti. Nel Padre Nostro, diciamo: «sia fatta la Tua Volontà», sono Parole Forti: “Signore io mi abbandono completamente A te, certo che ogni cosa che mi accade fa parte di un Tuo disegno e che quindi e giusta”.  Insomma… ci sono eventi difficili  nella vita di tutti, a volte drammatici, incomprensibili umanamente, in quei momenti il primo con cui ce la prendiamo e proprio Dio.

La seconda preghiera è il Credo. Crediamo veramente in tutto quello che diciamo senza dubitare mai? Per esempio: «Credo la Chiesa una Santa Cattolica e Apostolica», lo recitiamo ogni domenica e poi magari siamo i primi a criticare aspramente l’operato o alcune scelte della Chiesa.

 

«Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». Per arrivare anche noi a dare questa risposta abbiamo bisogno di due cose: la fede, dono gratuito da parte di Dio, e appunto, l’essere parte della Chiesa: comunità dei credenti in Cristo, guidata dal “Successore di Pietro” che si sostiene nei momenti di difficoltà, e che testimonia con gioia la fede nel Dio di Gesù Cristo, comportandosi proprio come gli Apostoli:  «Erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere» (Atti 2,42)

 

Una splendida canzone di Mauro Gioia, “Mani” (che vi consiglio di ascoltare), paragona la Chiesa ad un insieme di “mani che si stringono forte in un cerchio di sguardi che si incrociano, come un abbraccio stretto, per sentire che la Chiesa vive, che vive dentro noi insieme a noi. E sono mani che si tendono in alto, che si aprono grandi per raccogliere, quella forza immensa, che il Signore mette in fondo al cuore e annunciare a tutti che Dio ci ama”.

 
http://vangelodelladomenica.myblog.it/media/02/00/1258361894.mp3
 

Chiediamo al Signore di darci la grazia di essere sempre parte di quell’intreccio di mani che si stringono e si tendono in alto e di essere testimoni gioiosi  e instancabili del Suo Amore!

 

Ricordo domenica alle ore 12.00, la possibilità di seguire in diretta la preghiera dell’Angelus.

 

Arrivederci a Sabato prossimo con le letture e il commento di Domenica!

 

 BUONA SETTIMANA A TUTTI!!!

 

 

4 Risposte a “Ma voi, chi dite che io sia?”

  1. Un grazie per il complimento di arianna.
    Per quanto riguarda il Vangelo di oggi non prenderei come esempio Pietro che, dopo essere stato gratificato da Gesù per quanto aveva affermato, poco dopo verrà rimproverato dallo stesso …”indietro, Satana! Tu mi sei d’impedimento, perché non ti preoccupi delle cose di Dio, ma di quelle degli uomini”. C’è qualche cosa che non va e che andrebbe ulteriormente approfondito.

    Fortunato

  2. Salve a tutti!!! Sono Mauro Goia, l’autore di “Mani”, sono felice questa canzone possa aiutare tanti cori e tanti spettacoli musicali. Ho letto che spesso cercate gli spartiti e il testo.
    Sono disponibili presso tutte le librerie ELLEDICI in Italia (spesso anche in quelle Paoline).
    Ma vorrei fare un regalo a tutti, ho messo il testo e l’mp3 di “Mani” sul mio sito… potete fare il download gratuitamente. Ho anche inserito solo la versione strumentale (la base musicale), so che può essere utile per “cantarci sopra”, per imparare la canzone e per eseguirla.
    Collegatevi a http://www.myspace.com/megamauromusic sulla destra della pagina web c’è un player, potete trovare “Mani” completa e con la base musicale.
    BUONA MUSICA A TUTTI!!! Intanto mandatemi i vostri commenti e qualche foto dei vostri cori!

    Mauro Goia – [email protected]

  3. Salve a tutti!!! Sono Mauro Goia, l’autore di “Mani”, sono felice questa canzone possa aiutare tanti cori e tanti spettacoli musicali. Ho letto che spesso cercate gli spartiti e il testo.
    Sono disponibili presso tutte le librerie ELLEDICI in Italia (spesso anche in quelle Paoline).
    Ma vorrei fare un regalo a tutti, ho messo il testo e l’mp3 di “Mani” sul mio sito… potete fare il download gratuitamente. Ho anche inserito solo la versione strumentale (la base musicale), so che può essere utile per “cantarci sopra”, per imparare la canzone e per eseguirla.
    Collegatevi a http://www.maurogoia.com/html/download.htm sulla destra della pagina web potete cliccare su “Listen/Download” con il tasto destro e selezionare “salva con nome” o “salva destinazione con nome”
    BUONA MUSICA A TUTTI!!! Intanto mandatemi i vostri commenti e qualche foto dei vostri cori!

    Mauro Goia – [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.