VI DOMENICA DI PASQUA(ANNO A)

DOMENICA 29 MAGGIO 2011
VI DOMENICA DI PASQUA(ANNO A)

LITURGIA DELLA PAROLA

Antifona d’ingresso
Con voce di giubilo date il grande annunzio,
fatelo giungere ai confini del mondo:
il Signore ha liberato il suo popolo. Alleluia.
Colletta
Dio onnipotente,
fa’ che viviamo con rinnovato impegno
questi giorni di letizia in onore del Cristo risorto,
per testimoniare nelle opere
il memoriale della Pasqua che celebriamo nella fede.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Oppure:
O Dio, che ci hai redenti nel Cristo tuo Figlio
messo a morte per i nostri peccati
e risuscitato alla vita immortale,
confermaci con il tuo Spirito di verità,
perché nella gioia che viene da te,
siamo pronti a rispondere
a chiunque ci domandi ragione
della speranza che è in noi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA
At 8,5-8.14-17
Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Filippo, sceso in una città della Samarìa, predicava loro il Cristo. E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. E vi fu grande gioia in quella città.
Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samarìa aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.

Parola di Dio

Salmo responsoriale
Sal 65
Acclamate Dio, voi tutti della terra.

Acclamate Dio, voi tutti della terra,
cantate la gloria del suo nome,
dategli gloria con la lode.
Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere!

A te si prostri tutta la terra,
a te canti inni, canti al tuo nome».
Venite e vedete le opere di Dio,
terribile nel suo agire sugli uomini.

Egli cambiò il mare in terraferma;
passarono a piedi il fiume:
per questo in lui esultiamo di gioia.
Con la sua forza domina in eterno.

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio,
e narrerò quanto per me ha fatto.
Sia benedetto Dio,
che non ha respinto la mia preghiera,
non mi ha negato la sua misericordia.

SECONDA LETTURA
1Pt 3,15-18
Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.
Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perché, nel momento stesso in cui si parla male di voi, rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo.
Se questa infatti è la volontà di Dio, è meglio soffrire operando il bene che facendo il male, perché anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito.

Parola di Dio

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia.
Se uno mi ama, osserverà la mia parola, dice il Signore,
e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui.
Alleluia.

VANGELO
Gv 14,15-21
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.
Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.
Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Parola del Signore

BREVE RIFLESSIONE PERSONALE:

Il Signore fa una promessa: chi crede in Lui e quindi osserva i suoi comandamenti non rimarrà solo ad affrontare le angustie della vita, perché il Signore gli sarà accanto.

Siamo davanti ad un grande Mistero della nostra fede: la Trinità, che in quanto Mistero non può essere spiegato va soltanto creduto, ma il Vangelo di questa Domenica mi ha fatto venire in mente un esempio per cercare di scorgere un pochino di più l’infinita grandezza di Dio, anche se probabilmente i teologi, mi tireranno le orecchie.
Dio ha talmente amato gli uomini che fin dal principio ha deciso di manifestarsi a loro per non lasciarli soli. Il primo passo è stato quello di rivelarsi al popolo di Israele, per mezzo dei profeti. Il suo amore però è talmente grande che non poteva limitarsi ad un solo popolo, quindi ha deciso di incarnarsi; Gesù, Dio fatto uomo ha fatto il dono più grande a tutta l’umanità, morendo ci ha liberati dalla morte e dopo la Risurrezione(come diceva il Vangelo di Domenica scorsa), è andato a prepararci un posto per donarci la Vita Eterna. Anche questo non bastava: per non lasciarci soli conoscendo le nostre fragilità, è tornato tramite lo Spirito Santo che sarà sempre con noi. Lui, lo Spirito è per noi la garanzia che Dio non ci lascerà mai soli. Penso che questo sia una meravigliosa notizia!

A noi il compito  di decidere se veder realizzata questa promessa di Dio oppure no.

Questa settimana siamo invitati tutti a pregare per l’Intenzione di Paola scritta nell’ANGOLO DELLA PREGHIERA:

Sto attraversando da un anno un momento difficile e doloroso, dopo mesi di incomprensioni, a dicembre 2010 mio marito Cristiano ha abbandonato me e sua figlia Agnese di 5 anni. Si è fatto condizionare da un uomo Aldo che lo ha convinto a cambiare vita e gli ha gettato tra le braccia sua figlia Sara. Da una settimana, da quando ho scoperto questa relazione, non ci parliamo quasi più per niente. Lui è sempre fuori, viaggi, cene, conduce una vita che non ha niente a che vedere con quella che avevamo prima e che ci bastava perchè avevamo l’amore…
Trascura sua figlia e ogni giorno mi dispero per questo suo cambiamento. Provo rabbia per quello che ci ha fatto ma continuo ad amarlo. Prego per l’intercessione del Beato Giovanni Paolo II affichè il Signore allontani da lui questi due demoni e possa riaprigli gli occhi e il cuore…Lui è un uomo buono ma non lo riconosco più. Spero nella fine di tanta sofferenza e nel suo definitivo ritorno a casa.Grazie.”

 

BUONA SETTIMANA A TUTTI!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.