«SULLE ORME DI SAN LUCA».

DAL VANGELO DI LUCA

(Testo CEI2008)

Capitolo 22

39Uscì e andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. 40Giunto sul luogo, disse loro: ‘Pregate, per non entrare in tentazione’. 41Poi si allontanò da loro circa un tiro di sasso, cadde in ginocchio e pregava dicendo: 42‘Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà’. 43Gli apparve allora un angelo dal cielo per confortarlo. 44Entrato nella lotta, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra. 45Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. 46E disse loro: ‘Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione’.
47Mentre ancora egli parlava, ecco giungere una folla; colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, li precedeva e si avvicinò a Gesù per baciarlo. 48Gesù gli disse: ‘Giuda, con un bacio tu tradisci il Figlio dell’uomo?’. 49Allora quelli che erano con lui, vedendo ciò che stava per accadere, dissero: ‘Signore, dobbiamo colpire con la spada?’. 50E uno di loro colpì il servo del sommo sacerdote e gli staccò l’orecchio destro. 51Ma Gesù intervenne dicendo: ‘Lasciate! Basta così!’. E, toccandogli l’orecchio, lo guarì.
52Poi Gesù disse a coloro che erano venuti contro di lui, capi dei sacerdoti, capi delle guardie del tempio e anziani: ‘Come se fossi un ladro siete venuti con spade e bastoni. 53Ogni giorno ero con voi nel tempio e non avete mai messo le mani su di me; ma questa è l’ora vostra e il potere delle tenebre’.
54Dopo averlo catturato, lo condussero via e lo fecero entrare nella casa del sommo sacerdote. Pietro lo seguiva da lontano. 55Avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno; anche Pietro sedette in mezzo a loro. 56Una giovane serva lo vide seduto vicino al fuoco e, guardandolo attentamente, disse: ‘Anche questi era con lui’. 57Ma egli negò dicendo: ‘O donna, non lo conosco!’. 58Poco dopo un altro lo vide e disse: ‘Anche tu sei uno di loro!’. Ma Pietro rispose: ‘O uomo, non lo sono!’. 59Passata circa un’ora, un altro insisteva: ‘In verità, anche questi era con lui; infatti è Galileo’. 60Ma Pietro disse: ‘O uomo, non so quello che dici’. E in quell’istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò. 61Allora il Signore si voltò e fissò lo sguardo su Pietro, e Pietro si ricordò della parola che il Signore gli aveva detto: ‘Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte’. 62E, uscito fuori, pianse amaramente.
63E intanto gli uomini che avevano in custodia Gesù lo deridevano e lo picchiavano, 64gli bendavano gli occhi e gli dicevano: ‘Fa’ il profeta! Chi è che ti ha colpito?’. 65E molte altre cose dicevano contro di lui, insultandolo.
66Appena fu giorno, si riunì il consiglio degli anziani del popolo, con i capi dei sacerdoti e gli scribi; lo condussero davanti al loro sinedrio 67e gli dissero: ‘Se tu sei il Cristo, dillo a noi’. Rispose loro: ‘Anche se ve lo dico, non mi crederete; 68se vi interrogo, non mi risponderete. 69Ma d’ora in poi il Figlio dell’uomo siederà alla destra della potenza di Dio’. 70Allora tutti dissero: ‘Tu dunque sei il Figlio di Dio?’. Ed egli rispose loro: ‘Voi stessi dite che io lo sono’. 71E quelli dissero: ‘Che bisogno abbiamo ancora di testimonianza? L’abbiamo udito noi stessi dalla sua bocca’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.