Martedì 23 Dicembre 2008

Martedì 23 Dicembre 2008
Feria propria del 23 Dicembre
VANGELO
Lc 1,57-66
Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva esaltato in lei la sua misericordia, e si rallegravano con lei.
All’ottavo giorno vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo col nome di suo padre, Zaccaria. Ma sua madre intervenne: “No, si chiamerà Giovanni”. Le dissero: “Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome”.
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta, e scrisse: “Giovanni è il suo nome”. Tutti furono meravigliati. In quel medesimo istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Coloro che le udivano, le serbavano in cuor loro: “Che sarà mai questo bambino?” si dicevano. E davvero la mano del Signore stava con lui.

Parola del Signore

Una risposta a “Martedì 23 Dicembre 2008”

  1. In questa pagina del vangelo ho notato la disponibilità di Zaccaria a permettete che si concretizzino le sacre scritture facendo un semplice gesto quello di permettere al figlio di chiamarsi Giovanni nonostante i commenti da parte della gente ; questo sta anche a significare che quando lo vogliamo sappiamo fortunatamente anteporre il volere di Dio, peccato che questo non avenga spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.