I DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO B)

DOMENICA 26 FEBBRAIO 2012
I DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO B)

LITURGIA DELLA PAROLA

Antifona d’ingresso
Egli mi invocherà e io lo esaudirò;
gli darò salvezza e gloria,
lo sazierò con una lunga vita.

Non si dice il Gloria.
Colletta
O Dio, nostro Padre,
con la celebrazione di questa Quaresima,
segno sacramentale della nostra conversione,
concedi a noi tuoi fedeli
di crescere nella conoscenza del mistero di Cristo
e di testimoniarlo con una degna condotta di vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA
Gen 9,8-15
Dal libro della Gènesi

Dio disse a Noè e ai suoi figli con lui: «Quanto a me, ecco io stabilisco la mia alleanza con voi e con i vostri discendenti dopo di voi, con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e animali selvatici, con tutti gli animali che sono usciti dall’arca, con tutti gli animali della terra. Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutta alcuna carne dalle acque del diluvio, né il diluvio devasterà più la terra».
Dio disse:
«Questo è il segno dell’alleanza,
che io pongo tra me e voi
e ogni essere vivente che è con voi,
per tutte le generazioni future.
Pongo il mio arco sulle nubi,
perché sia il segno dell’alleanza
tra me e la terra.
Quando ammasserò le nubi sulla terra
e apparirà l’arco sulle nubi,
ricorderò la mia alleanza
che è tra me e voi
e ogni essere che vive in ogni carne,
e non ci saranno più le acque per il diluvio,
per distruggere ogni carne».

Parola di Dio

Salmo responsoriale
Sal 24
Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza.

Ricòrdati, Signore, della tua misericordia
e del tuo amore, che è da sempre.
Ricòrdati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;
guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via.

SECONDA LETTURA
1Pt 3,18-22
Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito. E nello spirito andò a portare l’annuncio anche alle anime prigioniere, che un tempo avevano rifiutato di credere, quando Dio, nella sua magnanimità, pazientava nei giorni di Noè, mentre si fabbricava l’arca, nella quale poche persone, otto in tutto, furono salvate per mezzo dell’acqua.
Quest’acqua, come immagine del battesimo, ora salva anche voi; non porta via la sporcizia del corpo, ma è invocazione di salvezza rivolta a Dio da parte di una buona coscienza, in virtù della risurrezione di Gesù Cristo. Egli è alla destra di Dio, dopo essere salito al cielo e aver ottenuto la sovranità sugli angeli, i Principati e le Potenze.

Parola di Dio

Canto al Vangelo
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

VANGELO
Mc 1,12-15
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Parola del Signore

BREVE RIFLESSIONE PERSONALE:

images.jpg

Siamo in Quaresima il periodo in cui ogni anno siamo chiamati a vivere con un particolare obiettivo quello di tornare all’essenziale. Per far ciò è necessario buttar via tutte le maschere che indossiamo e ritrovare noi stessi, tornare in contatto con la nostra anima che spesso trascuriamo e insieme ad essa raggiungere Dio.

C’è un rischio, quello di togliere una maschera per indossarne subito un’altra: la maschera quaresimale. Ci prendiamo degli impegni facendo anche delle grosse rinunce pensando che così Dio è contento, ma se l’impegno diventa un’abitudine che ripetiamo tutti gli anni non ha molto senso. Concretamente: Il problema non è mangiare il prosciutto di venerdì, o mettere da parte dei soldi per le missioni, né fare le facce da mortificati, ma vivificare la nostra fede. 

Beh voi ora potreste giustamente dirmi che il mio discorso sulla carta può essere anche vero, ma come si applica nella vita reale? Semplice: seguendo l’esempio di Gesù. Lui  è entrato nel deserto per decidere come affrontare la sua missione, così anche noi entriamo nel deserto per mettere a fuoco le scelte che vogliamo fare.

C’è un ultimo aspetto che mi è capitato di leggere ieri e ritengo molto interessante: Marco è l’unico che lega la fine del deserto con l’inizio della predicazione in Galilea. Non entriamo nel deserto per restarci, non costruiamo un mondo a parte, ma il superamento della tentazione e il ritorno all’armonia iniziale, conseguiti grazie all’aiuto dei tanti inviati con cui Dio accompagna il nostro cammino ci spingono a diventare testimoni del nostro incontro con Gesù Cristo.


In BACHECA trovate gli appuntamenti settimanali per questo Tempo di Preparazione alla Pasqua.

Ricordo che ogni mattina alle ore 9 viene pubblicato il post della rubrica “La Bibbia un capitolo al giorno”. Stiamo concludendo il libro della Genesi.

Potete iscrivervi alla newsletter settimanale di questo blog inserendo la vostra mail nell’apposito spazio che trovate sulla colonna di sinistra. Vi aspettiamo anche sulla nostra pagina FACEBOOK, siamo ancora in pochi.
 

BUON CAMMINO DI QUARESIMA  A TUTTI!
Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.